Chi ben inizia...

La decisione di acquistare un cucciolo è una decisione importante le cui conseguenze influenzeranno, per anni, la vostra esistenza.

Un gatto vive mediamente oltre 15 anni passando attraverso tutte le fasi della vita: dall'infanzia quando lo accogliamo cucciolo fino alla vecchiaia, con acciacchi vari, passando attraverso alla fase di splendore e vigoria rappresentata dalla maturità. Quindi accogliere in casa un cucciolo non deve essere la soddisfazione di un desiderio momentaneo, ma frutto di una lunga e ponderata riflessione.

Chi accoglieremo nella nostra casa non è un giocattolo, ma un essere vivente con una spiccata sensibilità, che implica da parte nostra attenzione e rispetto e che saprà ricambiarci con una dedizione assoluta. Sorvolerò sulle questioni relative alla scelta della razza del gatto, sono decisioni personali, ma vi suggerisco, prima di fare il grande passo, di interpellare gli allevatori che vi sapranno consigliare al meglio illustrando le caratteristiche e peculiarità dei soggetti che allevano.

Il vostro nuovo compagno di vita avrà molte più possibilità di essere in buona salute e con un carattere equilibrato se proviene da allevamenti i cui titolari sono seriamente affezionati ai  cuccioli ed attenti al loro equilibrio psicofisico.

Un allevatore serio vi inviterà a vedere di persona i cuccioli e non stupitevi se sarà lui a farvi delle domande quando invece vi aspettavate  di essere voi a farle!!! Per lui, quei cuccioli sono....PIezz'e core.... e più che far conoscere il cucciolo a voi, vi ha aperto le porte di casa sua per capire che tipo d'acquirente siete!!!

Per cui dubitate di quegli allevatori che non vi fanno vedere i cuccioli, o che ve li fanno vedere solo da lontano!!!.

Inoltre ricordate sempre che l'allevatore serio ha a cuore la salute dei suoi gatti per cui se si rifiuta di farvi vedere i cuccioli appena nati, non è per chissà quale losco intendimento, ma è solo per non interferire in quel delicato equilibrio che si instaura tra madre e cuccioli nei primi giorni di vita che, se maldestramente compromesso, può portare fino all'estrema conseguenza dell'abbandono dei piccoli da parte della madre. Pertanto il periodo migliore per poter ammirare i nuovi cuccioli va dal compimento del primo mese in avanti.

Come, al contrario, non deve essere considerata negativamente l'opposizione offerta dall'allevatore a consegnare il  cucciolo prima che abbia compiuto le tredici settimane di vita. E' vero che già quattro/sei settimane di vita i cuccioli sono in grado di alimentarsi da soli e di fare correttamente i loro bisognini nella lettiera, ma il periodo che intercorre da quando sono svezzati al compimento delle tredici settimane  è di fondamentale importanza per la formazione del loro carattere: è il periodo in cui imparano dalla mamma e dai giochi con i fratellini a comportarsi da...gatti!!!

Per chi li porta a casa una settimana è poca cosa, per loro, che all'epoca hanno l'equivalente dei nostri sei/sette anni, una settimana significa sei mesi di apprendimento!

Vorrei, a questo punto, inserire una mia osservazione personale: le mie gatte continuano ad accudire i loro cuccioli per tutto il tempo in cui li hanno vicini, ma se

vengono loro portati via al compimento delle tredici settimane non li cercano più di tanto, mentre se sono più piccoli li cercano disperatamente per tutta la casa.

Quando, finalmente, giunge il momento di conoscere il nostro nuovo amico ricordatevi che lui non vi ha mai visto quindi cercate di essere molto tranquilli con lui, non spaventatelo subito con entusiastiche grida d'ammirazione e energiche proposte di gioco!!!! Avrà tutto il tempo necessario a conoscervi quando lo porterete a casa, ma adesso è importante saperlo osservare:

  • Il micio si deve presentare con il pelo pulito e soffice, senza tracce di forfora o, peggio ancora, di macchioline scure sintomo della presenza di pulci, con un bel panciottino arrotondato, ma non gonfio.

  • gli occhi devono essere  ben puliti e brillanti,

  • le orecchie non devono presentare tracce scure sintomo di presenza di acari

  • il naso dev'essere pulito e fresco

  • le mucose della bocca devono essere rosee e non deve esserci presenza di diarrea.

A proposito di incontri con i futuri proprietari dei cuccioli, personalmente conservo un ricordo indimenticabile di un distinto signore che arrivò a casa mia con moglie e figlia per conoscere il loro cucciolo e che, oltre ad apprezzare incondizionatamente il nome che io gli avevo assegnato, sparì improvvisamente alla nostra vista  e lo trovammo beatamente sdraiato per terra, ad altezza di cucciolo a rimirare, macchina fotografica in resta, il suo futuro amico.